Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Studiare in Italia

Dichiarazione di valore

Gli studenti stranieri sono ammessi a studiare in Italia sulla base dell’equipollenza dei loro titoli. Prerequisito per ottenere l’equipollenza dei titoli, che è definita dalle autorità scolastiche e universitarie italiane, è l’ottenimento della “dichiarazione di valore”. Tale dichiarazione viene rilasciata dall’Ufficio Consolare dell’Ambasciata.

iscrizione universitarie

Le Università italiane accolgonoogni anno studenti provenienti dall’estero, incluso da Senegal, Capo Verde, Gambia, Guinea, Guinea Bissau e Mali.

Le procedure di iscrizioneuniversitaria sono regolamentate da precise disposizioni e consultabili al seguente link

https://www.studiare-in-italia.it/studentistranieri/

Esse prevedono il coinvolgimentodell’Ambasciata per la ricezione e l’inoltro dei formulari di preiscrizione universitaria alle Università italiane coinvolte cui spetta la valutazione delle domande di iscrizione. Normalmente le procedure prendono avvio in primavera. Gli studenti ammessi dalle Università italiane procedono al deposito della domanda di visto nel corso dell’estate secondo modalità
coordinate dall’Ambasciata d’Italia a Dakar.

Borse di studio e collaborazione inter – universitaria

Ogni anno il Ministero italiano degli Affari Esteri mette a disposizione di studenti e docenti senegalesi borse di studio per seguire corsi universitari e post-universitari in Italia. Il relativo bando è pubblicizzato, generalmente il mese di marzo, sul sito web dell’Ambasciata.

Nel quadro dell’autonomia universitaria, vigente sia in Italia che in Senegal, nel corso degli anni sono stati conclusi accordi di collaborazione tra Università dei due Paesi per favorire lo scambio di studenti e docenti.

Lettore universitario

Presso l’Ambasciata d’Italia a Dakar è presente un lettore universitario. L’Ufficio del Lettore dell’Ambasciata fornisce informazioni e consulenza per l’iscrizione a Scuole e Università in Italia. Il lettore attualmente in servizio è il prof. Umberto La Torraca. Per contattarlo è possibile scrivere all’indirizzo mail ambasciata.dakar@esteri.it, all’attenzione del Lettore Universitario.

Visto per studio

Si tratta del visto necessario all’ingresso in Italia per la frequentazione di corsi scolastici, universitari e di formazione in genere.
Può essere di breve soggiorno (Visto Schengen) in caso di corsi brevi o di lungo soggiorno (visto nazionale) in caso di corsi che superano i tre mesi.

certificato di basso reddito

L’Ambasciata rilascia su richiesta un certificato di basso reddito. Questo certificato è richiesto dalle Università italiane
per beneficiare di una riduzione delle tasse di iscrizione universitaria, di borse di studio o di alloggi universitari.

Gli studenti interessati a ottenere questo certificato devono indirizzare la loro richiesta all’indirizzo mail per fissare un
appuntamento:dakar.legalizzazioni@esteri.it

I richiedenti dovranno presentare all’Ambasciata i seguenti documenti:

1. Copia del certificato di indigenza rilasciato dalle Autorità locali (se disponibile)

2. Certificato di disoccupazione rilasciato dalle Autorità locali (se disponibile)

3. Ultime tre buste paghe dei genitori o di eventuali tutori

4. Estratto conto dei genitori o di eventuali tutori

5. Certificato di vita collettiva e di carico di famiglia

Le scuole in Italia

Un elenco completo di Scuole Elementari, Medie e dei Licei Italianistatali è costantemente aggiornato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Un elenco completo di Scuole statali e non statali è consultabile nel sito ufficiale del MIUR. Per ricerche approfondite è disponibile anche il motore di ricerca Cercalatuascuola .
Vai al sito del MIUR

Equipollenza dei titoli di studio

I titoli di studio stranieri non sono automaticamente riconosciuti in Italia. L’equipollenza è il procedimento con cui un diploma conseguito all’estero viene dichiarato corrispondente ad uno specifico titolo conseguibile in Italia. Questo significa che il diploma è valido ed è riconosciuto sul territorio nazionale.

Nel caso non esistano accordi bilaterali o multilaterali specifici le procedure necessarie sono le seguenti.

Gli interessati al riconoscimento di un titolo di studio riferito a diplomi di scuola secondaria di I e II grado devono presentare domanda di equipollenza all’Ufficio scolastico della provincia di residenza, o all’Università per i titoli universitari.

I cittadini italiani interessati al riconoscimento dell’eguaglianza di valore e di efficacia (“equipollenza”) dei propri titoli di studio stranieri (conseguiti in Istituti di istruzione ufficialmente riconosciuti) ai corrispondenti titoli di studio italiani, dopo aver richiesto all’Ufficio studenti del Consolato l’emissione della “Dichiarazione di valore”, si devono rivolgere direttamente ad un Provveditorato agli Studi italiano o all’Università.

I cittadini non italiani invece devono presentare la domanda tramite l’Ufficio studenti del Consolato.

I titoli scolastici ottenuti all’estero, una volta dichiarati equipollenti ai titoli italiani di corrispondente valore (terza media, diploma di scuola media superiore o laurea), hanno in Italia valore legale; questo significa, ad esempio, che la persona in possesso della cittadinanza italiana ha diritto a partecipare ai concorsi banditi dalla Pubblica Amministrazione italiana. I documenti che è necessario presentare in Consolato per richiedere la dichiarazione di valore e l’equipollenza del titolo di studio sono:

  • diploma o certificato in originale o debitamente reso ufficiale, munito del sigillo o del timbro a secco della scuola o dell’istituzione universitaria e firmato in modo leggibile dal funzionario addetto;
  • Copia conforme del diploma legalizzato dal Ministero Affari Esteri del paese in cui il diploma è stato rilasciato (o ufficio con le stesse competenze in Italia). Viene legalizzata la firma dell’autorità che ha firmato il diploma
  • Attestato di autenticità del diploma, in originale,  legalizzato dal Ministero Affari Esteri del paese in cui il diploma è stato rilasciato ( o ufficio con le stesse competenze in Italia)
  •  traduzione dei due documenti in italiano, fedele e conforme al testo originale. La traduzione può essere eseguita dall’interessato o da un traduttore; il Consolato può riservarsi l’approvazione delle traduzioni esibite dal richiedente
  • Domanda a  firma dell’interessato, in cui si specifica il motivo della richiesta di rilascio della dichiarazione di  valore

Dichiarazione di valore

Gli stranieri e gli italiani residenti all’estero possono accedere alle Università italiane presentando al Consolato una domanda che deve essere corredata dalla documentazione prescritta. Questa documentazione deve essere approvata dalle competenti Autorità italiane, in base alla valutazione dei titoli di studio conseguiti all’estero. L’Ufficio studenti del Consolato deve inoltre accertare e certificare che i titoli di studio di scuola media superiore consentono l’ammissione ai corsi universitari nell’ordinamento del Paese nel quale sono stati conseguiti (“Dichiarazione di valore”).

Vedere la Sezione “MODULISTICA” di questo sito per moduli e documenti informativi scaricabili.
Visita la sezione pertinente del Sito del Ministero Affari Esteri

Corsi di lingua

Studiare italiano in Senegal

per chi vuole studiare l’italiano in Senegal, al di fuori del sistema scolastico, oltre a trovare pubblicazioni didattiche nelle principali librerie del paese e corsi di lingua on-line, gratuiti o a pagamento, offerti da istituzioni pubbliche o da privati,  può cercare la soluzione alle proprie esigenze rivolgendosi a scuole o associazioni che organizzano dei corsi a Dakar e in alcune città del Senegal, o a insegnanti di italiano disponibili a offrire lezioni private e il cui elenco è disponibile facendone richiesta alla sezione culturale dell’Ambasciata.

La lingua italiana in Senegal

L’italiano in senegal è parlato da un gran numero di senegalesi emigrati in Italia in passato.
E’ inoltre studiato da un numero significativo, e crescente di anno in anno, di ragazzi e di giovani.
La lingua italiana è infatti insegnata nel paese a livello della scuola secondaria e dell’ università.
All’università Cheikh Anta Diop di Dakar (UCAD) i corsi di italiano sono attivi dal 1986 ed è stata istituita la Sezione di italiano nel Dipartimento di Lingue e civiltà romanze della Facoltà di lettere dall’ ottobre 1992 avviando il corso completo di laurea in italiano.
I corsi di italiano all’università di Dakar sono frequentati da studenti in possesso di BAC e che hanno studiato almeno due anni italiano al liceo (o alla scuola media). Nell’anno 2010-11 risultano iscritti al corso di italiano come prima lingua circa settanta studenti, oltre ad una ventina che la studiano come seconda lingua.
L’Istituto di lingue straniere applicate (ILEA) dell’UCAD offre, anche se non regolarmente dei corsi di italiano.

Anche all’università statale di Ziguinchor sono attivi da vari anni dei corsi di italiano
Ci sono, inoltre, varie università private in cui l’ italiano è materia di studio nei corsi per il turismo: a Ziguinchor l’Università dell’Africa dell’Ovest e a Dakar nell’università Hampate Ba.
Nelle scuole medie, nei licei e in alcune scuole professionali del Senegal, l’italiano é materia curricolare, come seconda o terza lingua straniera. Dal 2002, grazie all’istituzione della sezione di italiano nella Scuola Normale Superiore (ENS), sostituita nel 2004 dalla facoltà di  scienze e tecnologie dell’educazione e della formazione (FASTEF),l’insegnamento della lingua italiana si diffonde progressivamente in numerose città e scuole del Senegal. Nell’anno scolastico 2010/11 é presente in ventisei istituti scolastici pubblici e una ventina di privati con un totale di trentotto insegnanti e circa duemila allievi in tredici città del paese (Dakar, Thiaroye,Touba, Thies, Mbour, Mbacke, Diourbel, Saint Louis, Louga, Linguere Kolda, Ziguinchor, Kabrousse).

Nel 2010-11 il numero complessivo di studenti nelle scuole secondarie è di circa 2200 allievi; nelle scuole private (a livello bac o post-bac) soprattutto nelle filiere del turismo, circa duecento a Dakar e un centinaio nelle regioni (Kolda, Ziguinchor, Thies).