Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

COMUNICATO STAMPA – Incontro con i funzionari italiani della Nazioni Unite e delle organizzazioni internazionali basate a Dakar

Dakar, 19 aprile 2023. “Apprezziamo moltissimo l’azione dei tanti funzionari delle Nazioni Unite di nazionalità italiana che quotidianamente operano in favore della pace, dello sviluppo e dei diritti umani in questa parte dell’Africa” ha detto l’Ambasciatore d’Italia a Dakar, Giovanni Umberto De Vito, che ha aggiunto “soprattutto in questa fase delle relazioni internazionali, il vostro impegno in favore delle popolazioni locali e l’approccio umano con cui difendete i valori universali in cui crediamo fermamente meritano gratitudine”. L’incontro ha riunito oltre 30 funzionari italiani che lavorano presso le Agenzie ONU e le organizzazioni internazionali basate a Dakar, spesso con sedi regionali competenti per l’Africa occidentale, centrale ed il Sahel (IOM, UNODC, FAO, IFAD, WFP, UNICEF, UNESCO, UNDESA, UNOWAS, UNDP, ICRC, CRI, EUDEL), consentendo di rafforzare il dialogo, scambiare informazioni e contatti, aggiornarsi sulle reciproche priorità e sulla situazione regionale.

Dopo l’introduzione dell’Ambasciatore, sono intervenuti Valeria Falaschi, Capo Delegazione e Project Manager presso l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e Matteo Marchisio, Rappresentante Paese del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD).

Tra i temi trattati, la gestione dei flussi migratori, la sicurezza alimentare e i progetti relativi alla sostenibilità in agricoltura, così come la lotta contro la criminalità organizzata transnazionale e le possibili ripercussioni dell’instabilità politica nella regione.

Con l’occasione si è ribadita la centralità della candidatura di Roma all’Esposizione Universale 2030 e le sinergie con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Infine, si sono toccati i temi riguardanti il ruolo dell’Ambasciata a Dakar nei confronti dei connazionali e le implicazioni connesse al prossimo spostamento delle agenzie ONU a Diamniadio.